INTERVENTO DEI VOLONTARI DELL’ASSOCIAZIONE ABALA LITE NEL VILLAGGIO DI N’TCHANGUE BEDETA IN GUINEA-BISSAU.  2015/2016.

“Le cose fatte e le altre che si potevano fare ” ...continua a leggere "INTERVENTO DEI VOLONTARI DELL’ASSOCIAZIONE ABALA LITE NEL VILLAGGIO DI N’TCHANGUE BEDETA IN GUINEA-BISSAU. 2015/2016."

I FORVIUM AJAD (Associazione giovanile per l’azione e lo sviluppo)

 

Gruppo di giovani tra i 16 e i 36 anni, soprattutto maschi di ogni religione presente sul territorio. Quasi tutti hanno frequentato la scuola di Padre Eugenio, molti hanno continuato fino alla 11°. Qualcuno è all’università. Cercano lavoro.

 

Presidente de Ajad /sector de Nhacra per 2 mandati dal 2007

MAMADU SERIFO DJALO (DJIDJI)

Telemovel 00245-6648686 – 5230982

Email: djidjalo@hotmail.com

Skip – djidji 019

 

30/12/2011

ore 9,30 mi presento a Nhacra per partecipare come relatrice al loro VII Forum.

Ci sono anche Gassmo, Narciso e Infalli.

Come prima cosa DJIDJI mi mostra la costruzione della nuova sede. E’ da ultimare, ci sono le pareti del perimetro e le divisioni interne, manca il tetto. Sarà probabilmente ultimata nel corso del prossimo anno.

Cominciano ad arrivare i giovani. C’è musica davanti alla sede per l’incontro, un ex ristorante (Teca Mana Celeste) non più usato. Dentro vi sono panche anche delle classi di Fanhe...

Oggi è l’ultimo giorno in cui i relatori parlano. Il Forum sui “diritti umani” è iniziato il 27/12.

Alle 11 dopo l’intervento in play-back del cantante e la purea con cucchiaio per tutti, inizio a leggere in portoghese la mia relazione sui diritti dei bambini. Pensavo di essere chiara, in realtà il Presidente tradurrà il tutto in criolo.

Seguono interventi con domande.

Ore 17,30 si riprende con i relatori dei giorni precedenti per conclusione lavori. Ci sono delle ballerine e il cantante in play-beck. Ognuno fa il suo intervanto.

Ore 18,30 fine lavori.

Zinha amministratrice di Nhacra, è dello stesso partito del ministro dell’istruzione, ma residente in Bissau (tel. 6609719 e 909719), mi invita a casa sua.

 

5/1/2012

Salvatore ed io andiamo a Nhacra per partecipare alla pulizia del mercato che abbiamo sponsorizzato già l’anno scorso.

Si propone di coinvolgere l’anno prossimo anche le scuole e l’amministrazione locale, anzi creare “La giornata della pulizia” in tutti i distretti in cui c’è l’AJAD.

Si parla con Simone l’ispettore (vedi file n. 3).

L’impegno di oggi è considerato a tutti gli effetti una delle attività dell’associazione, con molti ragazzi presenti e tanto di firma presenza.

Salvatore collabora donando 20.000 franchi schefa.

 

21/1/2012

Alle 9,30 arrivano a Fanhe DJIDJI, Infali, Negado, Narciso, Stefano, Nhanco, Bulacar, Aisado (donna vice-presidente dell’Ajad), Virginia, Seco, Alfa Amado.

Si portano tutto per il pranzo con l’obiettivo di presentarsi ufficialmente e di scambiare conoscenze come associazioni.

Ci raccontano la loro storia.

Nel 2004 vi è stato un Congresso di giovani del settore di Nhacra, da cui è scaturita l’idea di fondare un’associazione.

Nel 2005 hanno iniziato a organizzarsi insieme ad una commissione provvisoria.

Nel 2007 ci sono state le prime elezioni con divulgazione degli obiettivi.

Nel 2008 la prima assemblea ordinaria con 180 persone.

Ora l’AJAD ha 205 soci dai 16 ai 36 anni. Solo il 20% sono ragazze. Questa carenza è dovuta alle usanze e per problemi sociali (si sposano presto e hanno figli).

DJIDJI è stato il primo presidente eletto e riconfermato per la seconda volta. Sarà in carica fino al 4/2/2014, poi non potrà più ricandidarsi. Mi dà lo statuto.

Gli obiettivi dell’associazione sono molti, ce ne spiegano alcuni:

  • Sventare la povertà
  • Lotta contro l’analfabetismo (DJIDJI insegna agli adulti, 20 alunni per 3 classi. L’Unicef paga il materiale didattico e lui è volontario. Infali insegna al pomeriggio alle donne di tutte le età in un salone per i film. Se trovassero altri volontari andrebbero anche nei villaggi.)
  • Sensibilizzazione presso gli adulti affinchè mandino i figli a scuola
  • Prevenzione salute (lotta contro AIDS e colera. A questo proposito ci spiegano che gli aiuti che arrivano da altri paesi sono distribuiti dallo Stato alle ONG nazionali. Hanno organizzato un servizio di trasporto dei malati di colera in ospedale e di disinfestazione delle case. Poichè nei villaggi la gente non vuole usare le latrine, hanno organizzato una “piece” teatrale da portare in giro per far capire l’importanza dell’uso dei gabinetti, con linguaggi diversi a seconda dell’età dell’ascoltatore. Nei luoghi dove hanno accettato di usarli i casi di colera sono diminuiti.)
  • Diffusione della cultura e dei diritti umani (l’11/6 in Guinea è festa dei bambini. Stefano si occuperà di organizzarla a Nhacra). Consegna di Borse di studio per la prima volta a febbraio 2012 per premiare i migliori di portoghese e matematica della scuola di Padre Eugenio, tra la 5° e la 11°.
  • Diffusione delle vaccinazioni (poichè la natalità continua ad essere alta e la speranza di vita intorno ai 45 anni).
  • Promozione della partecipazione della donna attraverso convegni appositi.
  • Promozione dell’agricoltura attraverso il recupero delle risaie. E’ in programma una cooperativa per la coltivazione del riso su 35 ettari vicino a Nhacra con l’aiuto del governo perchè si vuole diminuire l’importazione dello stesso. Poichè per ora il governo non ha stanziato denaro, stanno cercando altri finanziamenti.

 

Hanno molto lavoro e per cercare nuovi soci vanno nei villaggi intorno a Nhacra.

Tutte le attività sono senza fini di lucro.

 

La loro organizzazione funziona in questo modo:

  1. All’inizio dell’anno sottopongono all’Assemblea il piano delle attività che pensano di attuare per tutto l’anno. Queste vengono effettuate solo se approvate. Se ne nascono altre durante i mesi successivi ne discutono e se approvate saranno fatte.
  2. I soldi arrivano solo dalle quote pagate dagli associati, che spesso ritardano nel pagamento.
  3. Alla fine dell’anno c’è una relazione pubblica di quanto effettuato con relative spese.
  4. L’assemblea si riunisce ogni 15 giorni per organizzare praticamente le varie attività.
  5. Il presidente è eletto ogni 3 anni.

 

L’incontro è proseguito con la presentazione dell’associazione ABALALITE.

 

Margherita propone una manifestazione musicale e teatrale da organizzare il prossimo anno in gennaio con la partecipazione di musici locali e italiani.

A questo proposito se ne parlerà anche con Padre Michael DANIELS (framichael.ofm@gmail.com cell. in Italia 3407366538, sarà in Valle d’Aosta tra l’8 e il 15 luglio 2012, francescano parroco della cattedrale di Bissau), che cantava e organizzava eventi musicali in Italia.

 

[singlepic id=632 w=600 h=240 float=center]

Lo scopo del progetto è quello di fornire una valida alternativa alla cottura di cibo fatta essenzialmente con legna pregiata e carbone. Questa pratica tradizionale ha come aspetto negativo il taglio indiscriminato di alberi che contribuisce all’avanzata della desertificazione. La legna e ilcarbone vengono commercializzati e conferita dai villaggi alle città. In alcuni Paesi africani è ormai vietato produrre carbone. ...continua a leggere "Cottura cibo con bracieri pirolitici. Sperimentazione di cucine solari."