Vai al contenuto

Sentieri del villaggio. Da oggi è possibile acquistarlo anche online

Sentieri del villaggio è un libro corale. Un amico ci ha detto: "Se stai una settimana in  Africa scrivi un libro. Se stai un anno scrivi un articolo. Se stai una vita non scrivi niente". Come se in una vita si arrivasse a capire di non poter capire.

Capire l'Africa è come capire la vita. A capire la vita ci hanno provati in tanti: filosofi, profeti, scrittori, operai... Abbiamo comunque capito poco e ci sembra che agli Africani importi poco capire la vita, ma importa molto viverla. La bellezza di questa terra e delle persone che la abitano, le loro grandi difficoltà sono entrate nelle nostre molecole. Questa bellezza è stata vista da angolazioni diverse, da persone con esperienze diverse, ma il suo splendore ha creato in noi emozioni analoghe.

Quello che raccontiamo lo abbiamo visto con i nostri occhi. Abbiamo visto che le loro speranze, continuamente calpestate, stentano a decollare. Se noi ci comportiamo da fratelli la loro gioia si irraggia dalle piante dei piedi a tutto il corpo e si trasforma in danza.

Chi aiuta chi? La loro vita, la loro cultura, che è una cultura di inclusione, ha aperto squarci di contraddizioni nella nostra esistenza. Raccontando ai bambini la favola della cicala e della formica siamo rimasti colpiti che il loro scandalo non era rivolto alla cicala ma alla formica, per loro è incomprensibile che la cicala debba morire di fame essendoci il cibo raccolto dalla formica. In qualunque capanna dividono il cibo con chiunque. Per il piccolo popolo che abbiamo conosciuto i Balanta l'unica caratteristica della ricchezza è che deve essere distribuita, altrimenti non è ricchezza.

Noi arriviamo nella loro terra come ricchi. I nostri criteri di efficienza, sbilanciati verso il futuro, sono estranei alla loro cultura. Non solo la colonizzazione, le guerre per gli interessi delle multinazionali, le rapine, ma possiamo danneggiarli anche con le nostre buone intenzioni, con le quali possiamo rovinare l'equilibrio del loro vivere, favorendo la perdita di conoscenze indispensabili alla loro sopravvivenza.

 

I racconti che hanno generato queste riflessioni si trovano all'interno del libro "Sentieri del villaggio" e narrano il lavoro svolto dai volontari  Abala Lite nel loro sostegno al villaggio Fanhe in Guinea Bissau.

Il libro è possibile richiederlo presso la nostra associazione o scaricarlo in formato elettrico dalla libreria di Amazon