Vai al contenuto

Progetto N’Tchangue 2015

INTERVENTO DEI VOLONTARI DELL’ASSOCIAZIONE ABALA LITE NEL VILLAGGIO DI N’TCHANGUE BEDETA IN GUINEA-BISSAU. 2015/2016.
Obiettivi:
1) Promuovere l’orticoltura nel villaggio.
2) Verificare la possibilità di attivare il pozzo già trivellato.
3) Promuovere il coinvolgimento della popolazione nella gestione degli orti, e dell’acqua.
4) Gettare le basi per la realizzazione di (ideazione, progetto, costruzione, gestione) una scuola agraria rurale.
5) Sostegno allo studio.
6) Intervento nelle scuole a Nhoma,
7) Continuare l’esperienza fatta con l’ospedale di Comura.
8) Montaggio Pannelli sulla Casa della Pace

Premessa:
Casa della Pace: La casa è stata un punto di riferimento per molti soggetti: oltre ai volontari di Ablala Lite sono stati ospitati nel pernottamento, vorremmo continuare affinchè fosse un luogo d’incontro.
Nella casa è stata potenziato il pacco batteria con l’acquisto di due batterie da 150 w cadauna, sono state messe a dimora due piante di banane, quattro di limoni, quattro di papaia, tre di moringa, in questo soggiorno vorremo mangiare i prodotti del nostro orto.
Ogni attività sul territori và comunicata ai frati missionari che ci concedano in comodato d’uso gratuito la struttura.
Promuovere l’orticoltura nel villaggio
Al nostro arrivo prenderemo contatti con Armando Sia (agronomo) il quale ha relazionato sull’intervento nel Villaggio di N’Tchanque che avevamo concordato per il 2013/2014 e 2014/2015, verificare se possiamo iniziare la sperimentazione di un piccolo vivaio di piantine orticole da poter commercializzare.
Verificare la possibilità di attivare il pozzo già trivellato.
Il problema che dovevamo affrontare con urgenza il reperimento dell’acqua per l’irrigazione delle piantine.
Il pozzo esistente era stato ostruito dai ragazzi alla profondità di 8mt, quindi era impossibile la sua utilizzazione. Una ipotesi è verificare con lo scavo del pozzo vicino alla scuola fino al recupero della vecchia trivellazione.

Promuovere il coinvolgimento della popolazione nella gestione degli orti,acqua.
Nel 2014/2015 la superficie destinate agli orti é di circa due ettari in una buona posizione per successivi sviluppi futuri.
In questo spazio è già previsto un primo inizio di frutticoltura.
La frutticoltura è prevista per coinvolgere in concreto i giovani del villaggio e per avviare e una diversificazione produttiva al caju.
Il 25/01/2015 è stato fatto il censimento delle persone che attivamente sono impegnate
nell’orticoltura: risultano ventisette moranças e cinquantaquattro donne, ciò significa che oltre la metà villaggio è stato coinvolto.

In più incontri è stato proposto di formare un’associazione di donne agricole per gestire le attività degli orti e organizzare una rete di vendita non occasionale, costituire un fondo cassa per l’acquisto di sementi, attrezzi, antiparassitari e quanti altro serve per una buona pratica agricola. Abala Lite darà la sua assistenza per un periodo limitato.
Il 20\01/2015 è stato proiettato nel villaggio un video con le donne coltivatrice il lavoro fatto nel 2013\14 nel 2014\15 è stata di grande partecipazione degli abitanti, anche questo anno ripeterei l’attività.
Il 24\01\2015 abbiamo promosso la festa della coltivatrice Donne, come associazione Abala Lite abbiamo contribuito all’acquisto di riso, polli, e bevande. E’ stata coinvolta l’associazione culturale di Nhacra che ha messo in essere due spettacoli uno sulla necessità di non rubare e l’altro sulla conseguenza provocati dal danneggiamento del pozzo fatto dai ragazzi e dell’attività cha Abala Lite ha svolto nel villaggio.
Alfine di migliorare la condizione di lavoro Abala Lite verificherà la fornitura di altre attrezzature.

Gettare le basi per una scuola agraria rurale.
La scuola esistente diroccata è definitivamente crollata.
Premesso che la scuola primaria nel villaggio c’è, e che Abala Lite ha valutato il recupero della struttura esistente per destinarla a un progetto di avvio di una scuola agraria rurale cosi come concordato con il villaggio nel 2013/14.
Sono stati fatti più incontri con gli abitanti del villaggio, nei quali è stato chiarito che da parte di Abala Lite non c’era la possibilità di un intervento immediato perché a causa del crollo definitivo della scuola era necessario rivedere tutti i costi e la destinazione e l’utilizzo dell’area.
Le problematiche che sono state discusse con vari soggetti del villaggio:
Premesso che il terreno dove è situata la scuola fù concesso alla missione di Nhoma. (non c’è nessun atto scritto ma questo è stato sempre affermato dagli uomini grandi).
Il villaggio concede il terreno (con atto Formale) Missione di Nhoma o Custodia francescana, rendendo per una struttura locale permanente per lo sviluppo culturali ed economiche del villaggio. Questa è un progetto troppo grande da poter affrontare da soli è necessario trovare fondi di finanziamenti.
Il sostegno allo studio si finanziano solo quelli in essere senza aggiunta di altri oneri.
Intervento a Nhoma concordare le iniziative con i missionari e le suore.
Verificare la possibilità di una convezione tra l’ospedale di Cumura e quello di Biella.
L’economia dell’associazioni non ci permettono di realizzare tutto ma verificheremo sul posto le priorità e le urgenze.
Nel mese di novembre è previsto l’arrivo del container con motocoltivatore, motopompa, pannelli, Pc ecc.
Quindi sarà necessario preventivare il montaggio di sei pannelli + tre per N’Tchangue.